Contact Info

AppsOnRails

Doctorium: quando la cura si fa smart

In una realtà quotidiana che, da un lato si espande mediante dispositivi smart e internet e, dall’altro deve fare i conti con una crisi sanitaria capace di creare soglie di sbarramento a cure di qualità, Doctorium interviene per livellare spiacevoli disuguaglianze, permettendo a tutti, ovunque e in qualsiasi momento, di prenotare visite specialistiche da effettuare tramite video consulti, con pochi click e consultando l’elenco dei professionisti disponibili.

Questi gli obiettivi di Doctorium Medical Institute, portare dentro casa le cure mediche e garantire la migliore efficienza attorno ai bisogni del paziente. La startup innovativa nasce per fornire consulenze mediche online e a domicilio.

Doctorium, nata nel 2016, è l’evoluzione di un bisogno scaturito dal vissuto personale di uno dei suoi fondatori ma che si inserisce a pieno titolo all’interno di un comune sentire di buona parte della collettività, colpita dalle innegabili inefficienze di un sistema alle prese con una crisi epocale aggravata dagli effetti negativi della pandemia da Covid-19, attualmente in corso.

Nei primi giorni di Gennaio la stampa fa circolare la notizia che la vede aggiudicarsi i 430mila euro previsti dalla partecipazione al Fondo Venture II del programma “Seed per il Sud” (Cdp Venture Capital), piano pubblico di finanziamento che le permetterà di incrementare i propri servizi e la presenza sul territorio, in via di sperimentazione già dalla fine del 2019. La società con sede in Calabria nel corso del 2019 ha fatto dell’innovazione della cura, obiettivo centrale della propria azione ed entra nel vivo dei programmi assistenziali e terapeutici ridisegnando gli spazi e l’accessibilità ai servizi.

Doctorium un ponte che riporta “il medico a casa”.

Internet e i dispositivi mobili sono una realtà ormai pienamente assimilata anche per le fasce adulte e anziane della popolazione e questo ha permesso alle nuove tecnologie e ai professionisti di ridisegnare gli approcci e gli strumenti per gestire aspetti concreti della vita delle persone. La startup, anche grazie al sostegno dell’incubatore Entopan e di altri investitori, può dirsi soddisfatta nell’obiettivo di far parte del “sistema della cura” nell’era digitale.

L‘utente qui è un paziente digitale, seguito da oltre 100 specialisti, selezionati tra professori universitari e da un comitato di specialisti, disponibili per video consulti e assistenza pianificata su richieste personalizzabili.

Un rapporto clinico di certo più rassicurante proprio perché dedicato, personale e personalizzabile sulle specifiche esigenze o richieste. Un contatto immediato e senza le estenuanti attese dei canali tradizionali. La startup promette e realizza servizi di assistenza di qualità a costi ridotti, possibili proprio perché elaborata e progettata sfruttando i benefici di innovazione e delle nuove tecnologie e che aspira alla presenza di molti più specialisti sulla piattaforma, compresi quelli di base per fornire ai propri pazienti/utenti di avere in un unico grande spazio per prendersi cura di sé.

Il nostro cliente è salito sul vagone di prima classe di AppsOnRails, quello relativo allo sviluppo mobile nativo, per implementare i servizi digitali da offrire ai suoi utilizzatori.
In una realtà che è gestita in tutto o in parte con smartphone e dispositivi mobili l’esigenza mutata del committente richiedeva un nuovo e più accessibile strumento di comunicazione tra Doctorium e i suoi pazienti.

Doctorium app mobile: l’approccio di AoR

AoR ha creato da zero le due app mobile native, usando Swift e Kotlin, per Doctorium. Con un team di cinque persone a prendersi cura degli aspetti di UI/UX e di QA e tre senior architect/developer mobile di lunghissima esperienza con decine di progetti mobile alle spalle in ambito nazionale e internazionale. Il progetto mobile ha avuto il suo kick-off a Dicembre e il rilascio in beta in questi primi giorni di Aprile. Ora si aspetta il lancio ufficiale sugli Store Apple e Google.

Si è partiti dal wireframing e dalla raccolta dei requisiti, disegnando su carta e passando dalla lavagna all’uso di Balsamiq per mettere in evidenza le funzionalità richieste e condividerle con il cliente e gli altri fornitori tecnologici. Passando poi per lo sviluppo del mockup con l’ausilio di strumenti come Sketch e Zeplin per enfatizzare l’aspetto collaborativo e arrivare il più velocemente possibile ad una visione condivisa del look and feel dell’applicazione.

Tutto questo ha dato vita ad una durissima fase (in termini di deadline) di implementazione dove si è proceduto a disegnare architetture multi layered, ad implementare pattern e best practice e ad integrare servizi esterni. L’obiettivo è stato raggiunto: avere una tecnologia di primissima qualità pronta per supportare il servizio negli anni a venire.

Author Details

Copywriter e SMM presso AppsOnRails

Copywriter e SMM presso AppsOnRails